Modello ex D.Lgs 231/2001

Il D.Lgs. 231/2001 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità penale degli enti, che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente l’illecito. L’ampliamento della responsabilità mira pertanto a coinvolgere nella punizione di taluni illeciti penali il patrimonio degli enti e, di conseguenza, gli interessi economici dei soci.

La normativa è stata nel corso del tempo innovata con l’introduzione e l’ampliamento di figure di reato ed in particolare con il D.Lgs. 121/2011, in attuazione della Direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell’ambiente, e della Direttiva 2009/123/CE, sono stati aggiunti i reali ambientali; invece nel novembre del 2012 è stata introdotto la Legge Anticorruzione e con il “decreto del fare” dell’agosto 2013 anche i reati in materia di Privacy sono entrati a far parte della lista dei reati presupposto ex D.Lgs 231/2001.

Ma capiamo un po’ meglio cosa prescrive tale decreto. La nuova responsabilità nasce soltanto in occasione della realizzazione di determinati tipi di reato commessi da soggetti legati a vario titolo alla società e solo nell’ipotesi che la “condotta illecita” sia stata realizzata nell’interesse o a vantaggio di esso. L’unica modalità che un’azienda può utilizzare per tutelarsi (art. 6 del D.Lgs. 231/01) è dimostrare, in occasione del verificarsi di un procedimento penale per uno dei reati considerati, di aver adottato ed efficacemente attuato modelli 231 idonei a prevenire la realizzazione di tali illeciti penali. Precisiamo che l’adozione di un modello di questo tipo non è obbligatoria per legge, ma la sua mancanza esporrebbe l’ente alla responsabilità per gli illeciti realizzati da amministratori e dipendenti.

Socioculturale è dotata di un modello di organizzazione, gestione e controllo secondo il D.Lgs. 231/01 già dal 2009, ma l’implementazione del modello è stata avviata già nel 2002 a seguito dell’uscita della norma di riferimento. Oggi si è reso necessario ritornare sul modello in uso in quanto non è risultato adeguato allo scopo per il quale era stato redatto; in particolare, sottoposto all’analisi di diversi esperti del settore, risultava carente dal punto di vista delle procedure e, mancante di un vero e proprio sistema disciplinare.

Il lavoro che è stato portato avanti si è articolato in alcune fasi, a partire da un analisi dei rischi potenziali e identificazione dei processi sensibili e delle funzioni coinvolte, quindi con un analisi del sistema dei controlli esistenti per arrivare alla costruzione dei una matrice dei rischi che intersecasse i processi sensibili, i settori e le funzioni coinvolte e i reati potenzialmente collegati.

Si è provveduto quindi alla riedizione di tutta la parte documentale, a partire dal Manuale e Modello con annesse Procedure di Controllo e Gestionali; si è infine redatto ex novo un Sistema Disciplinare mentre il Codice Etico è stato mantenuto. Nel contempo il Consiglio di Amministrazione ha provveduto a nominare un nuovo Organismo di Vigilanza così composto:

Presidente:Avv. Federica Casarotto
Membro esterno:Dott. Federico Del Vecchio
Membro interno:Dott.ssa Giulia Aracri

Vi ricordiamo a tal proposito che i dipendenti ed i dirigenti che siano a conoscenza di fatti o comportamenti che possano configurare una violazione del Modello o che non siano in linea con le regole di condotta adottate dalla società, hanno la possibilità di segnalarlo, in forma scritta e non anonima all’OdV, alla casella e-mail appositamente predisposta (odv@socioculturale.it). I segnalanti saranno garantiti contro qualsiasi forma di ritorsione e in ogni caso sarà assicurata la riservatezza dell’identità del segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge e la tutela di chi venga accusato erroneamente e/o in mala fede. L’OdV valuterà le segnalazioni ricevute e le eventuali conseguenti iniziative a sua discrezione e responsabilità, ascoltando eventualmente l’autore della segnalazione e/o il responsabile della presunta violazione e motivando per iscritto eventuali rifiuti di procedere ad un’indagine interna.

I documenti sono a disposizione dei dipendenti e dei soci nell’apposita Area Riservata Soci e Dipendenti del sito.

Socioculturale dal 2021 è inoltre certificata per il Sistema di Gestione per la Prevenzione alla Corruzione secondo la ISO37001:2016. Questo Sistema va a completare quanto già valutato nel MOG secondo il d.lgs. 231/01 ma con un focus più dettagliato sulla lotta ai reati di corruzione. Quest’ultima integrazione ha permesso alla Cooperativa di ottenere il punteggio di 3 stelle al rating di legalità.

Modello di organizzazione, gestione e controllo (D. Lgs. 231/01)


CODICE ETICO adottato dalla Cooperativa


Certificato 37001:2021

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti.
Cliccando il pulsante accetta acconsenti all’utilizzo dei cookie.
Potrai modificare di nuovo le tue preferenze cliccando sul link che troverai nel footer.
Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito visita la nostra pagina Cookie Policy.